mercoledì 17 maggio 2017

the end

                                                               (foto dal web)


Di certo non pensavo che sarebbe finita così; era quello che continuavo a ripetermi mentre correvo senza una meta precisa. Lo scontro fra un gruppo di uomini  e un Qualcosa di indefinibile era stato improvviso e inaspettato. La città, ormai, era deserta e silenziosa. Certamente questi esseri indefiniti  non si aspettavano gli umani armati e determinati a difendere quello che era stato il loro territorio. Un errore inammissibile, il loro : aver sottovalutato l’intelligenza umana.
Ci attaccarono, ma noi ci difendemmo fino all’ultima nostra energia. Poi però non  capii più quanti di noi fossero morti e se questi esseri  fossero riusciti ad organizzarsi dopo la sorpresa iniziale. Di colpo tutto venne avvolto dal fumo. Non restò, per me, che correre. Corsi dunque, senza voltarmi mai indietro.
Non so quanto tempo fosse passato, quanta strada avessi percorso. Non capivo bene neppure dove fossi. Trovai il coraggio di voltarmi verso le rovine fumanti di quella che, un tempo,  era stata una città. Prima. Poi, l’arrivo di questi esseri di cui la maggior parte di noi aveva solo letto nei libri o visto nei film. Non si riuscivano a vedere né con la luce del giorno , né con il buio della notte, non sapevamo quindi che aspetto avessero , ma presto capimmo che le loro intenzioni erano tutt'altro che pacifiche. Volevano il controllo della città? volevano distruggerci? E noi non sapevamo neppure il motivo, il vero motivo.
Qualcuno aveva predetto che la Natura si sarebbe ribellata alla prepotenza dell’uomo.
Fanatico, era stato definito. Tutto era continuato come sempre.

Mi trovai in un bosco fitto e verdeggiante. Rimasi immobile guardandomi attorno: vedevo solo alberi.
C'era silenzio e tutto sembrava immobile.
Poi, qualcuno parlò. Fu una quercia a parlarmi con una voce vagamente metallica ma molto suadente. Mi disse che ero al sicuro nel bosco e che nessuno mi avrebbe fatto del male. Guardai attentamente quel tronco cercando di capire come potesse formulare frasi, anche se ormai nulla più mi stupiva.

Ero in trappola. Lo capii immediatamente vedendo gli altri alberi del bosco che ondeggiavano minacciosi verso di me. Sentivo muovere il terreno sotto i piedi, lo sentivo ondeggiare, alzarsi come se respirasse e fosse pronto ad inghiottirmi . Le radici! Dovevo prestare attenzione e fare in modo che quelle loro propaggini sotterrate non mi afferrassero i piedi e le gambe. In quel caso, ne ero certo, non avrei avuto la possibilità di salvarmi.
Mi tolsi le scarpe. Ripresi a correre verso l’ignoto, lasciandomi alle spalle un mondo divenuto ostile e sconosciuto. Un mondo che ormai sapevo non appartenere più agli uomini. Ma a chi? Esseri intelligenti, forti, determinati, sicuramente invincibili? Tuttavia non potevo fare altro: correre finché il cuore non fosse scoppiato e poi… forse avrei trovato il buio.   

                                                       Azzurrocielo

5 commenti:

  1. Bellissimo racconto Azzurrocielo!
    Racconto quasi fantascientifico ma anche metafora della nostra vita. E qui mi sorge spontanea una domanda.
    Ma questi nemici sono intorno a noi o dentro di noi?
    Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mah... chissà... direi intorno a noi ...se lo legge chi penso io mi dirà che ho uno strano legame con gli alberi, li amo , li abbraccio ma li temo...vediamo se commenterà..
      bacioni

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Bel racconto AnnaMaria (ti chiami così ho letto) senza pompa magna ma con la necessaria suspence ti afferra i polsi impedendoti ulteriori movimenti. Buono il ritmo, efficace la scrittura che mantiene alta l'angoscia che cerchi di mostrare. Pur non essendo il mio piano di azione, l'ho solamente sfiorato un paio di volte ma non approfondito, riconosco che sai ben dosare gli elementi narrativi.
    Però perché gli alberi? Hai già detto avanti che qúesti esseri non si riesce a vedere né di giorno né di notte, e adesso li immedesimi in alberi. C'è di sicuro una tua ragione. Posso saper quale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti aspettavo. Si mi chiamo così ma preferisco qui sul web il nickname. Forse sono stata troppo stringata nello scrivere. Il protagonista si rende conto che gli esseri in questione sono negli alberi o gli alberi stessi ?! Sono gli alberi, nel mio immaginario. avrei dovuto scriverlo meglio ma quando un'idea arriva io voglio metterla subito nero su bianco, sono impulsiva e devo vedere subito quello che ho scritto. Non sono una scrittrice, non so scrivere ma voglio migliorarmi. Benvengano critiche e perplessità sono oro per chi vuole imparare a scrivere. Grazie!

      Elimina

Grazie per la tua visita e per il tuo commento