mercoledì 17 maggio 2017

cinque lettere

                                             
                                                        (foto dal web)

Come ogni mattina, mi lavo, sistemo i ricci dei capelli con le mani ed evito di guardarmi allo specchio.
Da tempo infatti non lo faccio più. Da quel giorno in cui seppi che una parte delle mie cellule si erano ribellate, trasformandosi in qualcosa che mi stava uccidendo. Ho combattuto la mia guerra con tutta me stessa, come un soldato con l’armatura e la spada. Compagne di battaglia le terapie a volte pesanti, a volte meno devastanti. Ora ho deposto per un attimo le armi e l’armatura. Riprendo fiato. Cerco una nuova me stessa, mi ricostruisco la mia nuova vita dopo il cancro, un passo alla volta, un passo al giorno. Guardo la Vita con occhi consapevoli, con il cuore colmo di gratitudine per chi mi aiuta in questo percorso.
Io e la mia vita siamo un insieme di tante cinque lettere : cuore, mamma, amore, madre, amica, paura, ansia ma soprattutto… donna.
E’ forse ora di ricominciare a guardarmi allo specchio, seguendo col dito il percorso delle cicatrici che mi ricordano ogni istante la mia battaglia e le mie cinque lettere.

                                                              Azzurrocielo

7 commenti:

  1. Trova il coraggio di guardarti di nuovo allo specchio, Troverai magari una ruga in più ma se farai ben attenzione troverari anche una nuova luce nello sguardo, occhi stanchi ma luminosi e pieni di voglia di vivere
    Un abbraccio stella!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora una cosa.
      Se mi permetti io aggiungerei un altro vocabolo.. due anche.
      IO OSO e OSARE
      Servono anche quelli! Bacio

      Elimina
    2. ah ah ah ... neppure una ruga!!!! osare , bello lo aggiungo alla mia giornata. Sei grande Pat!

      Elimina
  2. Ricominciare è la parola giusta, anche se ha più di cinque lettere. Ciao cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si ... difficile ma da fare assolutamente!!!!
      baci

      Elimina
  3. Non scorderò mai quando sono venuta in ufficio e ti avevo vista con quella sciarpa tutta legata ai capelli, a quel momento ho capito ,senza che tu mi dica qualcosa, che c'è qualcosa di male, però sei stata fortissima e lo sei ancora, scusa se non scrivo bene ma lo capisci perchè, tanti baci😘😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si mi disse Marco che non sapevi nulla e ci eri rimasta male. Un abbraccio!

      Elimina

Grazie per la tua visita e per il tuo commento